Saltar al contenido

Vogue Italia celebra la ciudad de Bolonia y el cine

Ed è il Direttore della Cineteca Gian Luca Farinelli che ha intervistato per Vogue Italia Matilda De Angelis: nacida en Bolonia el 11 de septiembre de 1995 y che ha già alle spalle una carrera de cantante y otto folgoranti anni da attrice. Una conversazione molto particolare, e molto personale, in cui l’attrice si racconta tra l’amore per la sua città, la passione per la musica, la convivenza con l’ansia e il desiderio di leggerezza.

Della sua città Matilda dijo: “Secondo me Bologna è una città molto materna: ma lo ritengo un complemento; è una città che ti accudisce, che ti dà degli spazi umani, vivibilissimi e, allo stesso tempo, vive di una mentalità che defineei molto “libertina”. Allo stesso tempo è una città che definisce alcuni limiti, come spesso fanno anche le madri. E quindi, quando sei talmente protetto, talmente amato, coccolato, adorato, poi a un certo punto hai bisogno di sviluppare la tua indipendenza. È una città che ti prepara benissimo per il resto del mondo perché, nonostante le dimensioni, non è provincial.”

I racconti che si susseguono nelle pagine del numero mettono proprio in luce gli aspetti per cui Bologna è ed è stata anticipatrice, all’avanguardia. Nel 1982 è stata la prima città italiana in cui le associazioni LGBTQ+ hanno stretto accordi con il Comune tanto da avere la grante di uno spazio important e storico, il Cassero, che quest’estate festeggia i suoi 40 anni – e viene raccontato nel magazine, con un servizio che ne fotografía le voci storiche ei volti nuovi. Non solo: Bologna è la prima città universitaria del mondo occidental (l’Alma Mater venne fondata nel 1088), la capital del fumetto e dei diritti – comme dimostra il recente traguardo dello Ius Soli comunale, ovvero la cittadinanza onoraria conferita ai figli di immigrati en atestación dell’auspicata riforma della legge sulla cittadinanza italiana. Non mancano i personaggi che l’hanno resa grande e nota in tutto il mondo, like Pier Paolo Pasolini, di cui quest’anno si festeggiano i 100 dalla nascita, rievocato in una chiave inedita: quella degli abiti nei suoi film.

Il capoluogo emiliano cambia “dal basso” y si transforma mantenendo fede alla sua tradizione inclusiva. Parte da questo concetto la guida agli epicenter del divertimento e della cultura, divisa per quartieri, inclusa nel numero, che ripercorre tutti gli epicenter del nuovo. Spazio anche per gli indirizzi beauty e le vie dello shopping, fine alle fondazioni culturali e artistiche che oggi animano la città – in particolare con una’intervista esclusiva all’imprenditrice italiana più riserta, Isabella Seragnoli, sul MAST. Y Luis Sal, celebrity di Youtube e dei social media, è un boloñés innamorato della sua città, che non perde occasione per promooverla: a Vogue Italia racconta perché è così formativa e come mai tanti artist, musicisti e talenti del web hanno scelto di viverci . ¿Y la moda? La città si trova su una direttrice, quella della via Emilia, che unisce il lavoro delle grand aziende e il divertimento della Riviera Romagnola: ne parlano Marco Bizzarri, CEO di Gucci, e Max Mara.

A %d blogueros les gusta esto: