Saltar al contenido

tutti i motivó per cui vale la pena provare | La Cucina Italiana

Pasta sin solo “clásica”: apprezziamo sempre di più anche pasta proteica, nell’aspetto uguale in tutto e per tutto, ma profundamente diversa negli ingredientei. È llegó da qualche anno sul mercato e sta vivendo un vero e proprio boom. Del resto è un’opportunità in più per variare l’alimentazione mangiando sano, è un’alternativa anche per chi cerca di ridurre la meat (or non la mangia affatto), è anche molto buona. la dottoressa Elisabetta Macorsinibiologa nutrizionista e diet coach, ci ha spiegato tutto ciò che è important sapere sulla pasta protein, punto per punto.

¿Qué tal la pasta proteica?

“La pasta proteica”, dice la dottoressa, “ha l’aspetto di quella tradizionale, ma è realizzata con una materia prima diversa: anziché la farina di grano duro si utilizzano normalmente legumi«. ¿Calidad? Piselli, fagioli, lenticchie y esto.

Cosa c’è nella proteína de pasta?

“Per la precisione” prosegue la dottoressa Macorsini, “la pasta proteica è fatta con Farina di legumi o con farina di frumento arricchita con isolati proteici (soia o piselli)”. A questi ingredientei, poi, talvolta si aggiunge anche albume d’uovo. “Per questa ragione ha un basso livello di carboidrati e un elevato aporto di proteine”.

¿Cuántas calorías hay en 100 g de pasta proteica?

“100 g de pasta proteica también pueden ofrecer 60 g de proteína, 10 o 15 g de fibra y 21 g de hidratos de carbono” spiega la dottoressa Macorsini. El confronta? “La tradicional pasta di sémola contiene 10 u 11 g de proteína, 2 o 3 g de fibra y 82 g de carbohidratos”. Da qui depende il basso indice glicemico della protein pasta: no determinado picchi di zuccheri e di conseguenza maintiene basso il carico glicemico del pasto.

¿A cosa servir la pasta proteica?

Un’alternativa per variare, per introdurre proteine ​​​​vegetali nella dieta e per ridurre i carboidrati: se è spesso consigliata nelle diete demagranti è perché la pasta protein dà l’illusione di mangiare pasta senza mangiarla, a po’ per il suo aspetto, my reed per il suo sapore piacevole e versatil. «Servir proprio per aumentare l’assunzione di proteine ​​​​e ridurre i carboidrati: per questo è consigliata anche nelle diete», conferma infatti la dottoressa Macorsini. Qual è il motivo per cui è consigliabile contenere il consumo di carboidrati (specie quelli semplici) se si è a dieta? Provocano picchi glicemici, e quindi un assorbimento immediato degli zuccheri, che fa venuse fame subtilo dopo e che favorce il deposito di grassi (a meno che non vengano bruciati, ovviamente).

La pasta proteica si può considerare a sostituto di otra proteina?

Mangiata da sola dal punto di vista nutrizionale la pasta proteica non è un piatto completo. «Gli alimenti di vegetal origin hanno un valore biologico inferiore rispetto a quelli di animal origin: non contengono tutti gli amminoacidi essenziali, che sono quelli che vanno introdotti con l’alimentazione perché il nostro organismo non è in grado di produrre da solo», ricorda infatti la dottoressa Macorsini. ¿La solución? Abbinare la pasta proteica a verdure o, simplemente, una piccola fetta di pane: «Gli amminoacidi carenti nei cereali sono invece abbondanti nei legumi e viceversa», prosegue l’esperta.

Per chi è indicata la proteína de pasta?

Possiamo mangiarla tutti, è una alternativa válida para variare l’alimentazione, y se l’obbiettivo è losere peso la pasta proteica è un’ottimo alleato per tutte le ragioni di cui abbiamo parlato. Dato che contiene, seppur bassa, una percentuale di glutine, non possono però mangiarla i celiaci a meno che non scelgano pasta protein gluten free (le alternativa sul mercato si stanno moltiplicando).

¿Cómo insertar la proteína de la pasta en el balance de una dieta?

Non c’è nessun trucco particolare: la pasta proteica si può come normalmente, al posto di quella classica. E poi è molto comoda: cuoce in genere en pochi minuti, è molto versátil, si adatta perfettamente un verdor crudo o leggermente saltado en padella. Insomma, fantasía. “Per un pasto completo”, concluye dottoressa Macorsini, “basta abbinarla a un’insalata o altre verdure”.