Saltar al contenido

Siccità, caldo, aumento dei prezzi: perché sono correlati?

Non bastava l’inflazione a gravare sulle tasche degli italiani che fanno la spesa. Si aggiungono pure il caldo e la siccità a mettere a dura prova gli agricoltori e gli allevatori, a rendere più dificil e limita la producción de alimentos e, quindi, ad alzarne ulteriormente i prezzi.

En rischio la dieta mediterranea

Quest’anno le temperatura roventi hanno ridotto dell’11% il raccolto dei pomodori da salsa per preparare polpe, passate, sughi e concentrao. La producción nacional se redujo a 5.400 millones en chile: un bootleg pasado 10 años después, a raíz de un estudio de Coldiretti.

Mi sonido prácticamente anche tutti gli altri alimenti che compongono la dieta mediterranea a rise del cambiamento climatico, dal grano destinato alla produzione di pasta (estimato in calo di circa il 15% anche se di ottima qualità), all’extravergina de oliva nazionale (gli ulivi soffrono per la mancanza di piogge), alla fruta y verdor, che bruciano nei campi con danni fino al 70% (quest’anno in Puglia le pere e le pesche costano tra il 17 e il 19% in più rispetto all’anno scorso). Reduce la capacidad productiva de arrozmentre il suo prezzo è in aumento del 20%.

He yegua entra nel Po

Il mare entra nel Po e il cuneo salino che sale nei campi minaccia il 30% dell’alimentare Made in Italy y la met dell’allevamento della Pianura Padana. Nel Delta del Po, el aumento de la salinidad y la mancanza di ricambio idrico stanno uccidendo cozze e vongole (-20%) e favorscono, invece, la proliferazione delle alghe, che vanno rimosse perché non soffochino ogni forma di vita. Si allargano le zone di “acqua morta”, dove si moltiplicano insetti e cavallette che, solo in Sardegna, hanno già devastato casi 40mila ettari di campi.

El mucche provate dal caldo

Sale del 10-15% anche il prezzo del latté: le mucche, per rendere al meglio, avrebbero bisogno di vivere a 22 – 24 gradi, invece dei quasi 40 raggiunti in questi giorni. I bovini, provati da caldo e siccità, bevono molto di più – anche oltre 140 litri d’acqua al giorno ciascuno, contro i 70 litri dei periodi in cui il caldo è più moderato – e producono meno latte (-20% secondo Coldiretti) , che viene a costare più caro. Disminuisce del 45% anche il raccolto di pero e foraggi per l’alimentazione degli animali di allevamento.

D’altra par, il primo semestre del 2022, con una temperatura che supera i 0,76 gradi rispetto alla media storica e precipitazioni dimezzate (il calo è del 45%), si clasifica en Italia come l’anno più caldo di sempre.

A %d blogueros les gusta esto: