Saltar al contenido

Regina Elisabetta II, la sovrana a tavola

los Reina Isabel II ci ha lasciato, 96 anni dalla sua residenza di Balmoral, en Scozia. Il lutto non è solo nazionale, colpisce tutto il mondo in un assordante silenzio. Regina del Regno Unito di Gran Bretagne e Irlanda del Nord y degli altri reami del Commonwealth, simbolo femminile di autorevole saggezza e senso di responsabilità, icona di aplomb, di stile, di savoir faire ed etichetta – in ogni circostanza. Oltre alla figura politica, un gran ejemplo de dar per tutti noiun cui guardare ven inhalación global.

Di Lei si è scritto di tutto, en hace 70 años c’è stato tutto il tempo di ammirarla e amarla, anche oltre hola straordinario percorso storico. E’ stata capace di farsi conoscere e riconoscere comme punto fermo, una roccia inarrestabile per la comunità mondial, ma reed come donna – dai suoi sastre pastello ai suoi cani corgi fino ai suoi gusti a tavola. Ha sempre seguito una dieta salutare concediendosi qualche strappo alla regola, come il cioccolato. Rendiamo omaggio alla regina Elisabetta II attraverso questi piccoli spunti gastronomici per ricordarla semper.

No sprechi, e sei pasti al giorno

Sui gusti privatissimi della regina Elisabetta II aveva rivelato molto, o forse tutto, uno dei suoi ex-personal chef, Darren McGrady nel libro Comer a la realeza: recetas y recuerdos de una cocina de palacio. Fra i prodotti più utilizzati sulla reale tavola, quelli che si fregiano del marchio della Royal Warrant Holder’s Association, che riunisce i fornitori ufficiali della corona. Fra pregunta, el cioccolato Cadbury, yo cioccolatini alla menta Bendricks, Heinz, Tabasco, l’avena Quaker Oats, i cereales Kellogg’sy formaggi Whitfield ma reed Angostura, Bacardi, John Walker & Sons, Schweppes e il Camiseta hermanada y compañía. Niente ingredientes di gran lusso insomma, il foie gras è anche vietato per motivi etici dal protocollo, segno di un grande understatement regale, y atención allo spreco di cibo. E poi una dieta quotidiana sobria, salutare e piuttosto metodica – cene di gala permettendo.

Primera y segunda colación

Niente caffè, la Regina amava viene con la giornata con una taza de té Earl Grey con latte, senza zucchero, qualche biscotto. Sul tabloide ¡Hola! avevano rivelato che i biscotti preferiti per questa primissima colazione erano i Olivers de baño de chocolate, croccanti y ricoperti di cioccolato, di cui andava ghiotta. Viste le lunghe preparazioni quotidiane per essere semper impecable, la seconda colazione della mattinata prevedeva pane tostato, burro e marmellata, e su alcune testate si riporta notizia di café con leche y cereales. K especial para precisión.

No hay carbohidratos

Durante i pranzi privati ​​​​la Regina era nota per essere morigerata e disciplinata. Il menù a palazzo era semplice, ricco di proteine ​​ea basso contentto di carboidrati. lo jefe McGrady con indicato fra i suoi piatti preferiti la sogliola alla griglia o il salmone scozzese con spinaci e zucchine. Fra le ricette del pranzo anche semplici insalate con pollo alla griglia. ¿Pasta, arroz, pan? Neppure a cena, se la Regina cenava da sola.

La hora del té

Come ogni buon inglese che si rispetti, alle 17 scattava per la Regina l’ora del te. El verdadero biógrafo, Katie Nicholl, ha citado fra le preferenze, torta alla frutta y al cioccolato, tè Earl Grey y canapè al cetriolo – che lo chef McGrady mostra anche nel suo channel YouTube: pane da tramezzino, cetrioli sottilissimi, formaggio fresco e menta. Otro debe, yo centavos de mermelada, due fette di pane relleno di burro y marmellata di fragole, coppati a cerchio. Da comer rigurosamente con la mani.

pastel de galleta de chocolate

Proprio McGrady con raccontato di come la sovrana amass il cioccolato, nero y fondanty el pastel de galleta de chocolate, di cui ogni giorno mangiava una fettina pendante il tea time, hasta finila tutta. Perchè non si butta via niente. La torta especial al cioccolato no es más que una especie de salame di cioccolato, ma a forma di torta, e ricoperto da glassa al cioccolato. También el principio William ne è a big fan, tanto oltre a conviderla dure il tea time con la nonna, l’aveva voluta anche come seconda torta nuziale al suo matrimonio con Kate Middleton.

Regal de ginebra y espumante

La Regina oltre che essere una bevitrice responsable, anche produttrice. Él Ginebra viene infatti prodotto sia a Buckingham Palace che a Sandringham House, e ci sono anche i vini. Nel 2011 infatti, la regina Elisabetta with fatto piantare una vigna nel Windsor Great Park y nel 2013 era llegoo il primo brindisi del Windsor Vineyard English Quality Sparkling Wine. E ancora in vendita, annata 2015.

La regla en la transferencia

La vita da reale è una vita fatta di doveri, viaggi, eventi di beneficenza, inauguration and incontri con capi di Stato. E in queste occasioni vigono regole molto severo – che possono apparire strane ma che sono semplicemente di buon senso. E la Regina ne aveva da vendere. Aglio no: bandito da Buckingham Palace y dai pranzi ufficiali per l’alito gravie, così comme le cipolle, da usare con parsimonia. In trasferta pero anche no ai moluscos e ai crostacei, troppo rischiosi per eventuali intossicazioni alimentari e quindi da evitare. No reed alla carne al sangue, por motivación igienici o forse per gusto personale – il cuoco di corte aveva rivelato che la Regina mangia semper la carne ben cotta, reed a palazzo. Fuera de los límites il sugo di pomodoropara evitar imbarazzanti macchie, cibi troppo piccanti o sconosciuti, per evitare imbarazzanti reazioni a tavola, e agua de rubinetto: nel dubbio che non sia perfettamente sicura, perchè berla? Saggezza non popolare, mi regalo.

A %d blogueros les gusta esto: