Saltar al contenido

Norbert Niederkofler trajo la cucina etica en Valtellina

Norbert Niederkofler è a Livigno da qualche ora e già scalpita per l’inaugurazione del nuovo Kosmo, già local après-ski, che oggi cambia shovel e if rinnova deepamente, facendo propria the filosofia etica “Cook the Mountain” di Norbert Niederkofler. Lo chef, tre Stelle Michelin y Stella verde per la sostenibilità (St. Hubertus, San Cassiano), si trova a Livigno pour l’inaugurazione ufficiale di quello che è destinato a diventare il place à be di tutta la valle.

Kosmo Prueba la montaña Livigno y alpino, questo il nome per esteso di tutta la struttura, si sviluppa in differentoffre di bar e cucina, semper nel rispetto del gusto autentico di montagna e di un consumo più consapevole e sostenibile. “Abbiamo semper parlato di cultura di montagna, la stessa che seguivano i nostri nonni e bisnonni che, diversamente da oggi, rispettavano in ogni sua regola, in modo naturale. Ecco, noi aggiungiamo a questo creatività e tecnologia proviienti da tutti i Paesi del mondo, dall’Asia come Giappone e Cina, ma con la nostra materia prima". Qualche esempio? “La salsa di soia fatta con lenticchie di montagna oi crauti marinati e altri cibi fermentati”.

Il risotto al prezzemolo, fondo bruno y animelle del chef Luca Armellino

La natura detta le rególe

También el color è importante, così como él sapore. “La cucina calorica te la propone la natura dure il periodo invernale: carne marinata, salmistrata, tuberi… D’estate, poi, hai voglia di qualcosa di più fresco, changeo la luce, le esigenze del nostro corpo e anche i prodotti che offer la montaña; è un sistema naturale che dobbiamo rispettare e seguire”. Regole che lo chef ha trasmesso ai suoi ragazzi, da luca armellinoalla guida del ristorante, ai più giovani michele talarico el sous chef mateo grasso. “Il menù lo fanno loro, hanno carta bianca” my senza sconfinare dalla filosofia etica Cook the Mountain. E seppure slab Dolomiti alle Alpi Retiche il passo non è così breve, i prodotti di montagna restano uguali. “Funghi, fiori, erbe, radici, selezionati con gli especialistai, soprattutto micologi, visto che con i funghi non si scherza”, sottolinea lo chef. Ciò che è important è il lavoro di squadra e quella di chef Niederkofler è ben addestrata e collaudata. I ragazzi sono cresciuti professionalmente con lui: “Io ho impostato la cucina, ma sono loro a dover camminare con le proprie gambe”.

A %d blogueros les gusta esto: