Saltar al contenido

Monja: los 15 arroz che cucinano meglio delle mamme

Quanti ricordi che abbiamo legati ai nostri monja y monja! ci hanno viziato come solo loro potevano fare, rimpinzandoci di cibi golosi, raccontandoci aneddoti simpatici ed esperienze a volte meno felici, con gli occhi lucidi e un sorriso pieno d’amore semper sul volto. Ci hanno fatto scoprire realtà ormai scomparse perché il mondo cambia, ma i nonni non dimenticano e tramandano.

I nonni sono diventati una vera salvezza, oggi più che mai. In un contesto culturale dove mamma e papà lavorano fino a tardi, entrao in gioco come degli Angeli Custodi, che vegliano sui nipoti, li fanno giocare e divertire. All’uscita da scuola il loro sguardo si illumina alla vista del nipotino che gli corre incontro. È un lavoro a tempo pieno quello dei nonni, un mestiere che non si impara, ma che ci si sente dentro.

Oggi è la Festival Nonni, e noi vogliamo ringraziarli per il bene incondizionato che donano ai propri nipoti. Abbiamo così pensato, un po’ per gioco un po’ per nostalgia, di fare un encuesta en redazione chiedando quali piatti le nostre monja cucinassero meglio delle nostre mamma. Inevitablemente sono tornati alla memoria tanti ricordi, momenti vissuti tra cucina e tavolo da pranzo, con piatti legati a doppio filo alle divers tradición local dei nostri luoghi di proveniencia.

Ricette dei ricordi legati ai nostri nonni

A Stefania sono venusti en mente gli spaghetti aglio, aceite y peperoncino che suo nonno Francesco preparó quando giocavano a carte fino a tardi durante la feste in famiglia e la torta de mele fragante pronta ad ogni merenda di nonna Michelina; Alessandro, di origini campane, ricorda con gioia il tipico ragú napoletano che nonna Pupetta preparava per la domenica, si iniziava già il sabato sera a pregustarlo, perché in Campania la cottura del ragù è un’arte e per un risultato perfetto bisogna partie con largo anticipo: «Poco prima dell’ora di pranzo, inebriati dal profumo procedente de dalla cucina, io e mia sorella andavamo di nascosto ad assaggiarlo, inzuppando un pezzettino di pane nella pentola”, racconta Ale con l’acquolina in bocca. Virginia ha menzionato nonna Gina, di origini sarde, precision di Cagliari, nonostante tanti anni di vita in Piemonte portava semper a tavola un po’ della sua Sardegna con i tradizionali malloreddus alla campidanese, “riccioli” rigati di pasta fresca fatta a mano, adatti a raccogliere il ricco sugo di salsiccia e zafferano; Lodovica ha riportato alla memoria il celebrity capón magro, piatto tipico natalizio ligure, che le ricorda la lunga preparazione dei giorni antecedenti al Natale, lalentezza, la cura nella scelta degli ingredientei e l’attenzione per ogni singolo passaggio; Riccardo ci ha raccontato che la domenica mattina guardava la nonna fare le tallarines; io invece non potevo che nominare il Brasato al Barolo della mitica nonna Pina, il profumo inebriante circumdava l’androne delle scale, e salendo a mangiare la domenica a pranzo, ad oggi gradino cresceva anche la fame; Laura ha ricordato él timbal de scrippell, típicamente abruzzese; Rita non ha avuto dubbi sulla trippy della nonna; Francesca, ci ha pensato un po’ e alla fine ha citato il guiso de caza menor; Maddalena con grande emozione ha menzionato il Minestrone del nonno, preparado con tante buone verdure, accuratamente tagliate e pulite. Queste sono solo alcune delle ricette che ci sono venus in mente, yours quali sono?

Ecco le 15 ricette delle nun che portiamo nel cuore

El 15 arroz con la monja cucinano meglio delle mamme

A %d blogueros les gusta esto: