Saltar al contenido

Menù di pesce per nostalgici del mare tornati in città

Un menù di pesce è ciò che ci vuole se avete appena lasciato l’ombrellone per rientrare in città e già avete nostalgia del mare. Con la giusta atmósfera può lenire la malinconia e portare sollievo. Almeno per qualche ora. Che sia un’occasione romantica o un incontro tra amici, la cena è un rito fatto non soltanto di piatti cucinati, ma di ambient, sensazioni dimenticate e da riscoprire. Ogni particolare concorre nel ricreare questa magia.

la tavola

La cura della tavola che si pone nel prepararla è fundamental tanto quanto l’impegno profuse per l’elaborazione dei piatti: è semper e comunque il segno di un’attenzione particolare per gli ospiti, che si sentianno da subtilo coccolati.

Organizzare la cena in uno spazio all’ aperto darebbe un tocco in più alla serata: se nonosse possibile, disponete in ogni angolo della casa vasi con fiori freschi e profumati, faranno subtilo environment. Il lume tremulo di una candela rimanderà al moto scomposto del mare, El profumo intenso y embriagador de rosmarino mi espejo legati insieme con un filo di spago a riempire un vecchio annaffiatoio in metallo, trasformato in vaso e posto al centro di un romantico tavolo da giardino vestito di lino bianco, daranno la sensazione di essere ancora su un’isola lontana. Sulla tavola, piatti del servizio di famiglia dimenticato, e sui tovaglioli, posate d’argento vintage, più chic se di epoche varios.

Una bienvenida

Nell’attesa di riassaporare il profumo del mare, servite un chalice di Falanghina dei Campi Flegrei, un vino campano autoctono, delicately fruttato, fresco, morbido e lievemente sapido, vista la natura vulcanica del luogo in cui si sviluppa. En sottofondo la nota indimenticabili di Pino Daniele: non resta che rilassarsi e gustare il menù.

El menú

L’inizio sarà una sorpresa per la delicatezza dell’accostamento: un antipasto fatto con insalata di aguacate y gamberi rossi, arance y juliana di finocchi. Il tutto condito con una emulsión de aceite extravergine di oliva y succo di arancia.

Il primo piatto, come una sonata di Beethoven, travolgerà con tutti i sapori del Mediterraneo, in una miscellanea dai colori intensi: spaghetti trafilati al bronzo conditi con una marinata di pesce spada tagliato a cubetti, immersi in a sugo di pomodorini pachino e melanzane, arricchito da capperi dissalati, pinoli e foglie di mentuccia. Un avvolgente anelito di Sicilia, per i più nostalgici.

A %d blogueros les gusta esto: