Saltar al contenido

La pasta che si assomiglia (ma ha nomi e origini molto diversity)

La pasta artesana è una delle meraviglie dell’Italia, ne esistono centinaia di varietà grazie alla creatività dei nostri antenati, che partendo da una base di pochi ingredientei creavano forme uniche. Viaggiando per lo stivale capita spesso di trovare delle forma de semitono en luoghi distantei l’uno dall’altro, pesso il risultato di method di produzione e movimenti simili.

Le orecchiette (pugliesi e lucane) ei maccarones lados (sardi)

Da un lato abbiamo uno dei formati di pasta craftali più celebri dell’Italia, le orecchiette, e dall’altro un formato di pasta sconosciuto al di fuori della regione di origine: i maccarones lados. La pasta di grano duro pugliese che ricorda un orecchio ha historia original y la forma di piccole cúpula con una superficie ruvida, ottima per raccogliere sughi e sughetti. La orecchiette si condiscono tradicionalmente con le cime di rapa oppure con un classico ragù, sono legermente più piccole.

Dall’altra parte dello stivalenel mar Mediterraneo, si trovano i maccarones lados: cerchi di farina di grano duro, acqua e sale che vengono schiacciati e allargati leggermente, per sembrare delle medallón. Questo formato particolare, che ricorda le orecchiette, ha origine nella cittadina di Orgosolo, nell’entroterra sardo, e comes spesso condito con sugo di maiale, agnello o cinghiale, e preparato in occasione della celebrazione dei defunti, il 2 novembre.

I bigoli (veneciano y lombardo) ei pici (toscani)

Passiamo tiene debido a la formati di pasta lungaentrambi artigianali, che si assomigliano moltissimo, dagli ingredientes al método de producción, diferenziandosi solo per la zona di provenienza y el condimento tradicional final. La produzione e il consumo dei bigoli è se difundió por todo il Veneto e alcune cittadine Lombarde, mescolando farina di grano tenero, acqua e sale. Una delle loro característica principal è la ruvidita, data dal torchio che viene adoptoperato per formare la pasta, un’elemento che permette di trattenere alla perfezione i sughi con il quale vengono conditi i bigoli. Due condimenti tradizionali sono il ragù di anatra y el sardo, un piatto tipico veneziano.

Scendendo giù per l’Italia e fermandosi in Toscana troviamo i pici, un formato de pasta típica soprattutto en Val d’Orcia y Val di Chiana, casi al confine con il Lazio. Esistoño debido a la variante dei pici artigianali: la prima, più antica, prevede la preparazione dei pici usando la manía per tirare degli spaghetti large ed irregolari, mentre la seconda prevede l’utilizzo del Torchio. Il risultato della seconda preparazione – adoperata molto nei ristoranti e per la vendita – è un formato di pasta quasi identico ai bigoli. A differenza della pasta veneta, il condimento più celebre dei pici è vegetariano: con l’aglione, un producto típico de la zona stesse.

A %d blogueros les gusta esto: