Saltar al contenido

Ducasse / Oldani, la strana coppia | La Cucina Italiana

La idea viene anuncio Alain Ducasse Che fue a Reggia di Versailles per il ristorante Ore, una delle sue più recenti iniziative, ha ideato un menù strutturato e servito secondo il cerimoniale del Re Sole. Invitato a Torino per organizzare la cena più important della seconda edizione di Buonissima, la cinque giorni che celebra la cultura e la gastronomia piemontesi, ha notato: “Qui avete la Reggia di Venaria, una piccola Versailles, perché non approfittarne per una serata con tutto il fasto dell’epoca: la scenografia, gli intermezzi musicali, i figurai. Ma, naturalmente, “en contemporaneidad”, in interpretazione contemporanea”.

E allora la settimana scorsa insieme a 120 ospiti in grande attesa mi sono seduta sotto gli stucchi della Galleria di Diana della Reggia, nata a fine Seicento per i piaceri venatori di Carlo Emanuele II di Savoia, per partecipare alla “Cena del Tempo”. Un provocador”electropastiche”creato da Samuel Romano, dei Subsonica, elaborando alcune composition di Vivaldi. En redingote nera go consolle, con le luci stroboscopiche pulsanti, ritmando gli intermezzi della soprano e dei danzatori, ha diretto il Gioco del Tempo Cercato, ovvero l’incognita dell’assenza di un padrone di casa al suo stesso invito. Soluzione del giocoso mistero: la magia della cena e della scena sospende per gli invitati lo scorrere delle ore.

Intanto, negli entreact, si è svolta l’attesissima cena “evolutiva” a quattro mani: que del 19 stelle Michelin, Alain Ducassealla testa di un gruppo che controlla 20 ristoranti e 1400 impiegati nel mondo, e Quelle di david oldani, vent’anni fa suo apprenticeista nelle cucine dell’Hotel de Paris di Montecarlo, oggi uno degli chef di riferimento dell’alta gastronomia italiana. Un omaggio dell’allievo al maestro, un riconoscimento del maestro all’allievo.

Ai tavoli, tra gli ospiti, alcune presenze iconiche dei sapori torinesi: Giuseppe Lavazzaél café, e guido gobino, es cioccolato. E della gastronomía mundial: Ferran Adrià mi Luis Andoni Aduriz.

Ritmo de iniciación: Alain Ducasse. “Orata di Noirmoutier appena scottata, carote di Allones, tagete”, un ceviche moderno y una lezione: bastano tre ingredientei perfetti per fare un piatto perfetto. Croccante il pesce, dolci le carrot, piccante il tagete.

Davide Oldani: “Tartufo bianco, spugnole salsa, composta di mirtillo, briciole di pane, riso”. Aromatico il tartufo, cremose e terrose il giusto le spugnole, picante le gocce di mirtillo, croccanti le briciole, perfetta la cottura dei chicchi.

Ducasse: “Vitello “grano de seda” grigliato, cavolo verde, peperoncino dolce, luppolo”. A “haute couture” vitello, allevato nei Pirenei, tenero eppure compatto, il cavolo e il luppolo affumicati sulla brace con una spinta amara molto contemporanea.

Oldani: ”Mou, cioccolato e oro”: ormai un ghiottissimo classico, desiderabile a tutte le ore.

Nei calici, Piemonte e lo Champagne del produttore Alberto Massucco, che, volendo a tutti i costi firmare uno Champagne col suo nome, si è comprato una vigna a Reims. “Bravó”, dice Ducasse.

¿Il vero piacere? Per me una cena in cui il fasto non ha disturbato il divertimento. E credo che anche gli stucchi e le volte della Galleria di Diana un vedano l’ora di ripetere l’esperimento.

A %d blogueros les gusta esto: