Saltar al contenido

Cosa c’è da fare di nuovo a Courmayeur

Courmayeur è una destinazione per tutte le stagioni e la piccola cittadina sulle Alpi non è decisamente un paese per vecchi: se in molte località di montagna le novità if contano sulle destina di una mano et tutto sembra sospeso in un tempo passato, Courmayeur è unazione in pieno fermento.
Da stazione termale a fenezca Settecento è stata meta del primo avventuroso alpinismo, poi culla del turismo alpino di massa, delle deuxime case, delle settimane bianche e dei weekend fuori porta. Negli anni si è reinventata incessante e ha costruito una new dimensione contemporanea che unisce sport all’aria aperta e entretenimiento, con una única elabora nel suo produzca che semper di more unisce tradizioni autentiche a servizi moderni.

Una meta per tutte le stagioni

Per i milanesi e gli affezionati, semplicemente Courma, nel dos mil veintidos la cittadina de ella Val D’Aosta è stata eletta dal “New York Times” fra i luoghi da vedere almeno una volta nella vita, dictaminando claramente il suo ingresso fra le destinazioni sciistiche più esclusive del planeta. D’inverno le sue funivie permettono di accedere in pochi minuti a un comprensorio sciistico che offers ben cien km di tracciati in treinta y tres piste, ma quando la neve si scioglie, i versanti di Chcrouit e de ella Val Vény scoprono i chemini fioriti, il verde dei practícalo blu dei laghi. C’è chi scia, chi va in snowboard, chi si fa persino sganciare sulla neve direttamente da un elicottero; my Courmayeur ha un primato unico: essere meta di ragazzi in cerca di entretenimiento, famiglie con bambini, amanti de ella buona tavola, de ella bicicleta de montaña y pasión trekking che, falso in spalla, percorrono a piedi il Vuelta al Mont Blanc, un percorso di doscientos kilometri che para cruzar Italia, Francia e Svizzera. Cosa non scontata, a Courma si può anche fare shopping o non fare assolutamente nulla, quitando a mollo nella pool alpina con acqua riscaldata di Plan Chcrouit per una pause única con vista sul Monte Bianco o trascorrendo una vacanza alle QCTerme de Pré-Saint-Didier. Da cui tutto è cominciato.

No è un paese per vecchi

In montagna si va a letto presto, quindi la nightlife alpina parte dopo pranzo per finie dopo cena: a Courmayeur si già già sulle piste. Nel dos mil trece a Plan Chcrouit, a tratta di funivia dal centro città, un vecchio rifugio sulle piste è stato rilevato da un imprenditore milanese, e nulla è stato più lo stesso. Sembra di stare en Ibiza, ma a dos mil metri: al Super-G si balla y si stappa champagne ei pomeriggi con dj e bollicine sono diventati iconici tanto da attrarre visitatori anche solo per questa esperienza. Il primo après-ski in quota è però solo l’inizio, perché scesi a val c’è solo l’imbarazzo de ella scelta: ristoranti di ottima cucina típica, la tavola stellata de ello chef Paolo Griffa al Gran Hotel Real & GolfI barra de cócteles Dove fare l’aperitivo come il lussuoso Bar del Gigante dell’hotel Le Massif o il locale di ricerca La Bouche.

La tradición ritrovata

Restano vive y siente la feste più antiche di Courmayeur como la Festa delle Guide Alpine, la Daisy Fair en Pasquetta, la Feste Patronali dei Villaggi e lo Matsòn, el mercato all’aperto di produttori e prodotti locali che invade il centro la prima domenica di septiembre. La atención por la tradición y la valorizzazione delle eccellenze del territorio hanno accordto a Courmayeur di entrare nel reputado Lo mejor del circuito de los Alpes: seconda località in Italia, insieme a Cortina D’Ampezzo, a essere stata premiata per l’autenticità e il rispetto dei luoghi, per l’attenzione costante allá sostenibilità e al rispetto de ella naturaleza, nonché per essere la culla dell’alpinismo moderno e de ello sci, in tutte le sue forme. È stata anche presentata la candidatureura del Monte Bianco a Patrimonio Mundial de la UNESCO como “paesaggio cultural”. Ma a Courmayeur succedono cose, giovani imprenditori aprono locali, si rinnovano gli hotel storici, si lavora a livello municipale per Offree semper nuove iniziative. Lo spirito di Courmayeur oggi è quello che ha guidato il progetto de ella nuova funivia Skyway Monte Bianco che conduce dritto verso “il punto più basso del cielo”. A tres mil cuatrocientos sesenta y seis metros si sale con o senza sci, in estate o in inverno, ci si close al bistro, per ammirare l’orizzonte dalla terrazza panoramica, per buye a book in libreria or per visite il giardino botanico or a museo. Per rendere alcanzable la montagna a tutti.

Tutte le novità degli ultimi mesi.

A %d blogueros les gusta esto: