Saltar al contenido

Come fare a casa l’agnello pasquale

In questi giorni che precedono la pascua, la pasticcerie siciliana es un tripudio di uova al cioccolato e dove. In questo scintillio di colori e profumi inebrianti, sbucano slab vetrine e dai banconi i piccoli occhietti neri degli agnelli pascual. Si tratta di un dolce en pasta mandorla modellato, con l’ausilio di uno stampo, a forma di pecorella. Immancabile sulla tavola delle feste siciliane, è él, elagnello pascual.

Agnello pascual dolce, origini

En passato, elagnello pasquale en pasta di mandorla veniva ofreció a dono a vescovi e cardinali, regine e viceré, come simbolo del sacrificio di Cristo e della sua risurrezione. La decorazione tipica prevede tanti piccoli confetti y una bandierina di carte rossa chiamata labaro. Fino a qualche anno fa veniva regalato nel giorno di Pasqua dall’innamorato alla propria fidanzata.

Le suore dei monasteri erano particularmente esperte nella preparazione di agnellini di mandorla di varie dimensioni. Il più era famosa quello realizzato a Palermo slab monache del monastero di Santa Maria di tutte le Graziedetto di San Vito e oggi non più esistente, mentre le monache del monastero di Santa Caterina d’Alessandriafino alla fine del Novecento, erano solite inviare al papa un grande agnello del peso di ben 5 chili.

Gli agnellini pasquali oggi

Una tradizione antica che ancora ai giorni nostri resiste ea cui i siciliani, sia grandi che piccoli, sembrano esserne particularmente affezionati. Si trovano facilmente nelle migliori pasticcerie in giro per l’Isola, soprattutto nelle provincia del versante occidental (Palermo, Trapani e Agrigento) con varias variantes legadas ai prodotti del territorio. En Erice, per esempio, gli agnelli pasquali de pasta de mandorla sono farciti – secondo la tradizione conventuale – con conserva di cedro; nella zona di Agrigento sono riempiti invece con pistacho enlatado mentre a Palermo, dove viene chiamano affetttuosamente “pecorella”, con un stuffing di zuccata.

“El agnello pascual”, ci racconta María Oliveri, studiosa e appassionata di pasticceria conventuale siciliana, “è con molta probabilità un dolce nato in epoca normanna e poi diffusionosi in molte zone del Sud Italia, per esempio in Puglia, dove viene farcito con confettura (in provincia di Lecce con una crema chiamata faldacchiera ). Il marzapane risale all’epoca della conquista muslima, ma il simbolismo dell’agnello è sicuramente d’ambiente judaico-cristiano".

Ricetta dell’agnello pasquale

En esclusiva per i lettori di “La Cucina Italiana”, Maria Oliveri here svela l’Antica Ricetta di Suor Gesua para preparar l’agnello pasquale, ritrovata e custodita all’interno del Monasterio de Santa Catalina en palermo

Agnello pasquale en pasta di mandorla

Ingredientes

500 g de harina de mandorla
400g de sémola de calabacín
250 g de agua

Procedimiento

Pour l’acqua e lo zucchero in a pentola di aluminio o rame, putterla su un fornello medio, a fiamma vivace. Portare a ebollizione, fino a quando lo zucchero fila.

Vierta la farina, tutta en una volta e spegnere la fiamma. Mezclar rápidamente para incorporar toda la harina.

Spolverare pochissima farina su un piano di lavoro e versare il composto; far raffreddare, mescolando ogni tanto con una paletta.

Form a panetto and lasciarlo riposare per un giorno, coperto da un panno, per poterlo lavorare.

Realizzare l’agnello con l’ausilio di uno stampo in gesso (si possono acquistare anche online) e dipingere con colori alimentari.

Dove adquiere el agnello pasquale

Sull’e-shop della dolceria Yo Segreti del Chiostro di Palermo è possibile acquistare l’agnello pasquale artigianale, si nella versione classica di pasta reale si con ripieno di pasta di pistacchio (200g, 300g, 500g; precio de 11€ a 35€). Spedizioni in tutta Italia. Per informazioni e prenotazioni si può chiamare il numero 327 5882302.

Quale vino per l’agnello pasquale dolce?

por elabbinamento vinoinvece, il consiglio è quello di acompaña l’agnellino pasquale con un chalice di Passito Zhabibproducto de la azienda Hibisco di Margherita Longo e Vito Barbera nella piccola isola di Ustica e premiato dal Gambero Rosso come miglior vino dolce del 2022.

A %d blogueros les gusta esto: