Saltar al contenido

Brad Pitt: protagonista de una delle due cover di luglio/agosto di GQ

Nella storia di copertina del numero di luglio/agosto di GQ (en edicola dal 12 luglio)el autor Ottessa Moshfegh contra l’attore e produttore Brad Pitt nella sua casa sulle hill di Hollywood. Durante la conversación, Pitt è aperto e onesto. Parla del futuro della propria carrera, dei diversi cambiamenti che ha fatto per migliorare la salute e del suo senso di solitudine. Racconta anche i prossimi progetti, tra cui la commedia d’azione Bullet Train.

Pitt è conosciuto come un attore leggendario, una de las personalidades más influyentes de Hollywood, forse il più grande rubacuori di tutti i tempi. En última instancia, pero, è apparso sullo schermo un po’ più esporádicamente concentrandosi maggiormente sul ruolo di produttore cinematografico. A GQ racconta che sta cercando di riflettere con atención sul proprio futuro y sul percorso che vuole tracciare per le fast finali di una carrera abundantemente creativa.

“Penso di essere llegó al último tratto, al semestre o al final del trimestre. Cosa racconterà queto capitolo? Come voglio strutturarlo?”.

Parte di questo progetto incluye la sua società di produzione, the Plan B Entertainment. Quest’anno, la Plan B sta producendo Donne che parlano, un adattamento del romanzo di Miriam Toews in cui si narra di donne mennonite che si coalizzano contro i loro stupratori, diretto da Sarah Polley.

«È un film profundo come nessun altro realizzato in questo decennio" ha dichiarato Pitt.

Eppure, no nostante i nobili ideali quando jacket i panni del produttore and di un attore semper più selettivo, Pitt actúa con gioia il suo talento a qualche blockbuster quando il momento è giusto, soprattutto see esiste un legame personale. Tra questi Bullet Train diretto da David Leitch, il cui rapporto con Pitt risale a Fight Club del 1999, nel period in cui il regista faceva da controfigura alla star, ruolo che Leitch ha rivestito in diversi film, tra cui Troy e Mr & Mrs Smith . En la película, Pitt interpretó a Ladybug, un asesino a bordo del treno Tokyo-Kyoto que si è appena ripreso da un eseurimento nervioso e torna alla sua professione ad alto rischio con una fiducia un po’ fuorviante sulla propria idoneità a riprendere servizio.

«Sai, fai un mese di terapia", dice Pitt a proposito del suo personaggio, «hai un’epifania, think di aver capito tutto e che non sarai mai più smarrito. Questo è quanto. Ho capito, sono pronto a ripartire!" .

A %d blogueros les gusta esto: