Saltar al contenido

Barbacoa: 5 cose che non sapete sulla cottura al BBQ

Una mattinata davanti al parilla para preparar un menù completo, dall’antipasto allá bistecca. Mancava il dolce, ma anche quello si può fare al barbecue. È questa l’esperienza che noi di “La Cucina Italiana” abbiamo vissuto en ocaciones dell’apertura del secondo Weber Store en Italia, a Roma, en zona Casal Palocco. El primer centro italiano se dedicó a la barbacoa en la era de la ciudad de Chicago ya antes de abrir el fuego en Cantù (CO), presionar en el Garden Bedetti, sostener la tienda romana y abrir la puerta a veces de ella Festa del Papà en Solase Garden Centre. Quest’ultimo ocupó gli spazi di quello che era un drive-in, un altro mito de ella cultura americana anni Cinquanta.
A guidare le danze di questo event di opening, lo television chief Max Mariola, che ha pensato a un menù per l’occasione, iniziato con delle bruschette con burrata, pomodori del piennolo e alici; tagliata di diaframma con puntarelle e maionese di alici; pasta con pesto di prezzemolo y seppie cotte al BBQ; e per finie un’immancabile fiorentina a regola d’arte. A supportare per le cotture al barbecue, con la papagayo infinita sapienza, il gruppo dei Grill Master Weber, capitán de Sergio Oria. Ecco i segreti de ella griglia che abbiamo carpito in questa giornata.

Max Mariola alle prese con la cottura nel kettle, il barbecue con il coperchio dalla típica forma a boa

La idea de la tetera è aspirata a una boa nautica

Era il mil novecientos cincuenta y dos, quando George Stephen, allora assemblatore di piastre d’acciaio presso lo stabilimento Weber Brothers Metal Works, la cui sede si trovava allá periferia di Chicago, ebbe l’idea di tagliare in due una boa nautica pour creare un barbecue innovativo, che sarebbe in breve diventato un mito americano. Padre di dieci figli, amava cucinare per la sua grande famiglia al barbecue y desiderava avere the possibilidad di farlo con todas y cada una de las condiciones atmosféricas. Per risolvere il inconveniente del vento, pensò quindi che ci voleva un coperchio e adattò alle sue necessità la boa nautica, mettendola su un tripode. Da lì, Weber è diventato uno dei maini americani produttori di carbon barbecue, a gas, elettrici ea pellet e ha oggi un headquarter nei pressi di Chicago.

A %d blogueros les gusta esto: